Luisa Ranieri, la confessione shock: “Ho paura di una città del Sud”

Luisa Ranieri è una delle attrici più amate dal pubblico italiano, di origini partenopee e molto legata alla sua bella Napoli. In una recente intervista al Corriere del sud, l’attrice ne parla sottolineando tutte le ombre e le luci: “Sono andata via dalla mia Napoli a 20 anni. Prima a Milano, poi a Parigi e alla fine mi sono fermata a Roma. Affascinata dal teatro non ho finito gli studi di giurisprudenza che avevo iniziato e non ho più ripreso, ma credo che alcune nostre università costituiscano delle eccellenze e penso sicuramente alla Federico II di Napoli. Sono anche convinta che i giovani meridionali che affollano gli atenei della Lombardia, dell’Emilia e del Piemonte lo facciano non perché al Sud non ci siano le competenze e la didattica sia scadente, lo fanno perché le famiglie e loro stessi sanno benissimo che studiando al Nord c’è uno sbocco più immediato. Molta più possibilità di trovare lavoro subito”
Luisa ha anche parlato del fatto che il Sud sia riuscito a far fronte all’emergenza del Covid in maniera straordinaria: “È vero e mi fa piacere che il Sud abbia sorpreso i pessimisti e i no vax. Nella primissima fase dell’infezione la gente che andava a cantare sui balconi mi aveva commosso, quell’abbraccio emotivo che si stabiliva tra persone che dovevano osservare il distanziamento mi aveva colpito. Anche perché la distanza sociale colpiva al cuore l’essenza stessa della meridionalità, la sua apertura verso gli altri. Poi con il passare dei mesi si è fatta strada nella popolazione l’idea che le cose stessero peggiorando e che ci stessimo inguaiando, che qui non avevamo tanti ospedali come al Nord e quindi è maturata sul campo una responsabilità civile forse maggiore che altrove. È il modo migliore che hanno i meridionali di rispondere alla mancanza dello Stato”.
Napoli è un luogo diverso, è una citta famelica, vorace, travolgente, una città dalla quale poi è difficile separarsi. L’attrice spiega perchè è così diversa anche da Bari, dove ora vive: “Napoli è più aggressiva, ruggisce. Non a caso da quell’atmosfera di contrasti anche violenti sono emersi scrittori, registi, personalità artistiche. Il dramma inevitabilmente forgia. Napoli è un unicum di colori, caos, vitalità ma è anche una città feroce. Quando ci vado ho nelle prime 48 ore quasi una sensazione di paura e poi quando mi allontano sento il bisogno di tornare. Tutto è amplificato: il traffico, la gente che urla, come ci si veste e come ci si muove. Anche la gentilezza è più cruda, non ha tratti borghesi. Penso che Napoli non sia replicabile, non è globalizzabile”.
LEGGI ANCHE:Luisa Ranieri, moglie di Luca Zingaretti, è finita in terapia: i motivi

Articolo precedenteEdoardo Vianello il racconto straziante: “E’ stato un dolore terribile, il momento più triste della mia vita”
Articolo successivoOroscopo del giorno: svolte decisive Cancro e Vergine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui