Kabir Bedi, il dolore per la morte del figlio: un trauma troppo forte

Kabir Bedi ha vissuto un dolore che non si può spiegare: la morte del figlio che è venuto a mancare anni fa, un dramma che l’attore non ha mai superato del tutto.
Kabir Bedi è un famoso e apprezzato attore indiano naturalizzato italiano, diventato celebre per aver interpretato il ruolo di Sandokan nel più fortunato e noto telefilm italiano degli anni ‘70. Kabir Bedi quest’anno è entrato a far parte del cast dei concorrenti del Grande Fratello Vip 6, condotto da Alfonso Signorini, tornando alla ribalta nella televisione italiana. Ma Kabir porta dentro di sé un grande dolore: la perdita del suo amato figlio, come ha raccontato in una recente intervista.

Kabir Bedi, le lacrime per il figlio scomparso: “Il periodo più buio della mia vita”

L’equilibrio, la sua saggezza e la calma hanno contraddistinto Kabir Bedi all’interno della Casa del GF Vip 6, un’entrata la sua che è stata una vera e propria ventata fresca nella tumultuosa casa di Cinecittà.
La vita di Kabir, però, è stata tutt’altro che serena visto che nel suo passato c’è un evento drammatico che ha segnato la sua famiglia. Bedi si è sposato diverse volte, la prima nel 1968 con Protima Bedi dalla quale ha avuto i suoi primi due figli. Purtroppo uno di loro, il secondogenito, è morto in circostanze veramente drammatiche: ecco che cosa gli è successo. Il suo adorato figlio Siddharth è morto suicidandosi: il ragazzo purtroppo soffriva di schizofrenia, una malattia che non lo ha per niente agevolato in vita. Kabir ancora oggi porta dentro di sé questo grande dolore, un sentimento che non potrà mai più scrollarsi di dosso.
In una recente intervista a Verissimo, Kabir Bedi si è lasciato andare con Silvia Toffanin, raccontando la sua dolorosa storia e commuovendosi al pensiero di suo figlio: “È una triste memoria. Il dolore di un genitore che perde un figlio è il dolore più grande del mondo. La cosa più difficile è il senso di colpa: dove ho fallito? Potevo fare qualcos’altro per salvarlo? Ero in bancarotta, più o meno quando ho perso mio figlio. È stato il periodo più buio della mia vita”
Prima di suicidarsi il figlio ha lasciato un biglietto in cui ha scritto di aver compiuto il gesto perché non era più felice e ha invitato i suoi cari a non farsene una colpa. Dopo anni Kabir stesso ha raccontato di aver compreso la sua situazione e di aver raggiunto un equilibrio in tal senso.

Articolo precedenteMaria De Filippi preoccupata per suo figlio Gabriele: “È rimasto solo…”
Articolo successivoGigliola Cinquetti si confessa sul suo matrimonio: “Forse è durata per questo”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui