Drusilla Foer, il dramma: "Sono cambiata da quando lui è venuto a mancare"

Drusilla Foer è uno dei personaggi televisivi, più amati e seguiti di questi ultimi tempi, tanto è vero che la showgirl è contesa da vari programmi televisivi perchè si sa che quando interviene lei, gli ascolti sono assicurati. Tuttavia, durante la sua permanenza a Verissimo, Drusilla ha deciso di sbottonarsi su una delicata fase della sua vita che ancora la affligge. Ecco che cosa ha dichiarato Drusilla Foer sul suo tormentato passato. Drusilla Foer è un personaggio molto amato dalla TV italiana ed è molto attiva in teatro, mettendo sempre in risalto la sua sottile ironia e la sua grazia senza pari. Tuttavia, in una recente intervista, ha raccontato un dramma personale che ancora la perseguita. Scopriamo di cosa si tratta. Il personaggio di Gia​​nluca Gori, Drusilla Foer, arriva allo studio di Verissimo dopo un' esperienza più che positiva a Sanremo.

Sotto l'insistente curiosità di Toffanin, Drusilla rivela una parte del suo passato che è ancora molto attuale per lei. Nell'intervista, Toffanin ha chiesto a Drusilla se il suo vero cognome fosse davvero "Foer". Dopo un momento di silenzio, Drusilla ha risposto: “È la prima volta che mi fanno questa domanda. Foer è il cognome del mio ultimo marito. Mi sento ancora sposa di Hervé Foer“. E ha aggiunto: “Il mio cognome non è di famiglia, in effetti di Foer a Siena non ce n’è, il mio cognome da nubile è Gori, Foer è il cognome del mio ultimo marito, Hans de Foer ho tolto il “de” perché mi dicono già che sono nobile. Lui appartiene al ramo belga della famiglia Dufour, quella delle caramelle, io sono tuttora madame Foer anche se lui non c’è più. Ci siamo conosciuti a New York e poi abbiamo vissuto a Bruxelles, un periodo bellissimo”.

Tuttavia, la storia si conclude con la morte prematura di Hervé. “Hervé è venuto a mancare. Quando muore qualcuno io tendo a rafforzare tutto, ho uno strano rapporto con la morte”, ha detto Drusilla, rivelando per la prima volta il suo lato più tenero e fragile. “Dopo un amore potente in tarda età, fatto di condivisione e partecipazione e sentimento bisogna portare rispetto, eppure se mi corteggiano con insistenza e garbo scatta l’occhiolino. Ho conosciuto un signore e abbiamo condiviso questa assenza dei proprio amati”, ha aggiunto la Foer. “Come risponde a chi dice che dietro una grande donna c’è un grande uomo?” ha chiesto Toffanin. E Drusilla risponde: “Dietro una persona c’è un grande uomo e grande donna, ovvero la nostra parte maschile e la nostra parte femminile”. E ha chiosato: “Qualunque grande amore merita rispetto. Io sarò per sempre madame Foer”.

LEGGI ANCHE>>> Drusilla Foer ha un alter ego: "Vi spiego chi sono davvero"