"I Pooh non esistono più": la confessione a Mara Venier non lascia spazio a dubbi, fan in lacrime

Roby Facchinetti è un "evergreen". Nel giorno del suo 78esimo compleanno è stato ospite a Domenica In con gli ex membri dei Pooh, iniziando con una grande esibizione canora e un'intervista piuttosto tesa. A un certo punto, Mara Venier ha chiesto se ci fosse qualche speranza che un giorno i Pooh possano fare una reunion e tornare ad esibirsi. Questo però si è rivelato un momento piuttosto imbarazzante. Motivo? Innanzitutto perché Red Canzian, apparso in collegamento, ha lanciato una frecciata velenosa a Riccardo Fogli, perché quest'ultimo non si è trovato d'accordo con lo stesso Canzian e Facchinetti sulla possibilità di un reunion. “Lo vogliono sapere tutti e quindi ve lo domando: i Pooh si riuniranno?”. Così la padrona di casa ha fatto la sua giustificatissima domanda nello studio di Domenica In. Il primo a rispondere è stato Roby Facchinetti, che ha detto che era impossibile che la band si sarebbe riunita. L'artista bergamasco ha dichiarato che sarebbe inutile dare vita a un nuovo progetto senza Stefano D'Orazio:

“Nel 2013 se ne è andato il nostro poeta Valerio Negrini, poi se ne è andato Stefano. Se ci fosse Stefano, chiederei ora ai Pooh di incidere un album, con il sogno che sarebbe il migliore della nostra vita. Ma Stefano non c’è più. Se salissimo sul palco andremmo a intaccare la nostra storia, che deve rimanere così”. A fare eco a Facchinetti è stato Red Canzian, che ha sottolineato che i Pooh dei "3000 concerti", erano composti dai quattro membri storici Roby Facchinetti, Stefano D'Orazio, Dodi Battaglia e appunto lo stesso Red Canzian. Quindi il bassista ha voluto insinuare che Riccardo Fogli sarebbe escluso dalla mitica band. “Ci farebbero dei ponti d’oro se tornassimo insieme, ma dobbiamo avere rispetto. Senza Stefano non ci sono i Pooh. Abbiamo fatto anche un paio d’album senza, ma senza Stefano non ci sono i Pooh. I Pooh non esistono più, erano quei quattro lì che hanno fatto la storia con 3mila concerti”. La regia di Domenica In è rimasta così in bilico su Fogli. Ma la "volpe" della televisione, Mara Venier, ha subito sentito l'atmosfera elettrica creatasi in studio, e infatti, subito si è rivolta al cantante di Pontedera: “Riccardo anche tu la pensi così?”.

Fogli ha quindi rivolto la sua attenzione verso Facchinetti, che era seduto accanto a lui. All'improvviso è diventato chiaro che le sue idee sulla reunion erano diverse da quelle dei suoi amici e colleghi. "Non guardarmi così Roby…”, ha detto non senza imbarazzo. La “Zia”, cogliendo il momento di imbarazzo, ha commentato: “Questo è tutto improvvisato…”. “Dì quello che pensi”, lo ha invitato Facchinetti. Così, Fogli ha trovato il coraggio di dire ciò che pensava: “Per me l’idea di passare un giorno, una settimana, un mese con loro tre…  Con il bassista dei Pooh (Red Canzian, ndr), con il fratellone a cantare (Roby Facchinetti, ndr), con Dodi che suona la chitarra… se tu me lo chiedi, con il rischio che il fratellone mi mena, a me piacerebbe… Però capisco che non è facile senza Stefano. Ma questo è il mio pensiero”. Questo è un pensiero rispettabilissimo, nella mia vita ho imparato a non escludere nulla”, conclude con diplomazia e garbo Roby Facchinetti. Quindi, i Pooh non si riuniranno a meno che non ci sia una svolta sensazionale.

LEGGI ANCHE>>>  Red Canzian dei Pooh, il drammatico tumore che l’ha colpito: “Quando me l’hanno detto..” | Come sta oggi