Tosca ospite da Serena Bortone preoccupa i fan: la sua malattia alla gola che può trasformarsi in tumore

Ospite da Serena Bortone, la cantante ricorda la sua battaglia contro i reumatismi articolari acuti e la sua infanzia "vivendo in una campana di vetro". Tosca, all'anagrafe Tiziana Tosca Donati (Roma, 29 agosto 1967), è una cantante e attrice italiana, artista di fama internazionale che durante tutta la sua carriera si è dedicata anche ad un’altra grande sua passione: il teatro. La donna è stata intervistata da Serena Bortone e si è lasciata andare a intime confessioni e inediti retroscena sulla sua vita privata. Tra le tante cose Tosca ha dichiarato: "Quando da piccola vai di fronte ad un futuro che neanche sai se c'è, quando leggi grande preoccupazione negli occhi degli adulti, affronti poi la vita con coraggio". 

Così comincia il toccante racconto dell'artista che si mette a nudo nel salotto di Oggi è un altro giorno. Tosca ha parlato delle sue lotte contro la malattia da bambina, di un'infanzia difficile e tormentata che per lei è stato tutto tranne che un periodo spensierato. I reumatismi articolari acuti di cui soffriva le hanno fatto rischiare molto, in particolare la preoccupazione saliva per la possibilità di un cancro. In un certo senso, tutto ciò, ha avuto un forte e rilevante impatto nel suo approccio alla maternità. Tosca confessa di ricordare esattamente il momento in cui la malattia è apparsa per la prima volta nella sua vita: quel giorno si trovava al Luna Park con la madre, ("e infatti non ci sono mai più tornata, tanto è stato lo choc") e il suo corpo si coprì di macchioline.

"Tutti pensavano che fosse una orticaria - ricorda - Ci fu una scena che mi scioccò: prendendo lo zucchero filato, allungai un braccio e mi si scoprì la schiena. Avevo segni grossi, come fosse un eritema importante. Dicevano troppe fragole, ma non era così". La diagnosi, insomma, è arrivata con ritardo, con la piccolina che continuava a stare male. A quel tempo si trattava in realtà di "eritema" causato da "reumatismi articolari acuti".  Oggi si tratterebbe di una cosa quasi banale e probabilmente sarebbe stato curato in poco tempo con gli antibiotici ma all'epoca era una patologia molto pericolosa "Quarantacinque anni fa questa malattia poteva portare al tumore osseo, era molto pesante", aggiunge. "Era portata dalle tonsille, l'organo con cui poi avrei lavorato.""La diagnosi arrivò quando una mia zia mi portò al San Camillo e i medici mi ripresero al volo. Mi hanno salvato. Se non se ne fossero accorti, oggi non c'ero più".

Un'infanzia difficile, vissuta "sotto una campana di vetro" come la stessa artista ha dichiarato. Tosca racconta che a sei anni ,dopo una banale infezione, dovette rimanere ben sei mesi in ospedale per un ricovero. Ribadisce e sottolinea che la musica è stata la sua ancora di salvataggio: "Perché uscita dall'ospedale non potevo fare niente se non la musica - confida - Non potevo sudare perché altrimenti avrei avuto 40 di febbre e avrei dovuto curarmi con flebo". La donna poi ha continuato e si è lasciata andare alla più intima e dolorosa confessione:  "Non a caso non ho figli. La mia infanzia è stata una grande prova per me, perché non è stata bella. Anzi, non vedevo l'ora finisse perché tutti mi dicevano che tutto sarebbe passato con sviluppo. Non vedevo l'ora". Una volta guarita, è arrivata "una signora meravigliosa che io amo follemente e che mi ha salvato la vita", ovvero la musica.

Leggi anche: Anna Tatangelo parla per la prima della sua infanzia difficile: "A 18 anni sono scappata via di casa per colpa loro"