Amici di Maria De Filippi, l'ex professore spara a zero sul programma e i giudici: "Che degrado"

Luca Jurman, ex vocal coach del talent di Maria De Filippi, si è espresso in maniera piuttosto dura contro gli attuali docenti della scuola. L'uomo, professore di canto del programma per quattro anni - dal 2007 al 2011 - e capace di far scoprire talenti come Marco Carta, Valerio Scanu, Alessandra Amoroso e tanti altri, ha descritto come "imbarazzante e abominevole" la decisione di inserire le cosiddette "barre" (strofe rap della durata di 4/4) su famosi pezzi pop. Il problema maggiore, poi, è che queste ultime vengono definite addirittura geniali da alcuni insegnanti che, sempre a detta dell'ex coach, così facendo, illudono i giovani di essere capaci di scrivere. Bene... Per Jurman non è affatto così. Di seguito pubblichiamo il post che l'uomo ha condiviso sui suoi profili social. Vere e proprie parole al veleno:

"POSSO DIRLO?? CONTINUARE A METTERE LE “BARRE” SU BRANI E OPERE CHE HANNO FATTO STORIA E VENDUTO MILIONI DI DISCHI IN TUTTO IL MONDO, SFRUTTANDO E SPESSO DETURPANDO IL SIGNIFICATO DEL TESTO E DEL SENSO COMUNICATIVO DELL’ORIGINALE…., HA ROTTO! MA SCRIVETE SU MUSICHE ORIGINALI, VOSTRE (se siete in grado) COSÌ EVITATE ANCHE CONFRONTI IMBARAZZANTI! Trovo altresì imbarazzante è abominevole che degli “pseudo titolati” avvallino uno scempio del genere, spesso addirittura definendo “geni” dei ragazzi che alla fine si illudono di esserlo! Siamo caduti talmente in basso che in Italia la tv invece di fare educazione e divulgazione della vera arte….sta creando la sua estinzione! So benissimo che con questo post attirerò critiche ed insulti, ma esiste un termine che racchiude il senso di ciò che ho scritto, un termine che purtroppo ormai è senza valore in questo paese, ETICA! Mi meraviglia che i veri Artisti, Autori, Compositori, Musicisti, Produttori Artistici, Arrangiatori, Cantanti, e grandi interpreti….non facciano e non dicano nulla per tutto ciò che accade in questo ambiente così decaduto e venduto alla paura del “non lavorare più se parlo”!….."

E lo sfogo continua: "Peggio del peggio, è che ci sarà qualcuno che pur di prendere due soldi o dalla discografia o dalla Siae, venderà anche se stesso e le proprie opere per dire che gli va bene che si usi un suo brano con queste finalità, anzi lo troverà “interessante”." Il contenuto del post ha avuto immediati consensi ma anche aspre critiche. A tutti coloro che lo accusano di esporsi in maniera così irosa solo perché non è più tra gli insegnanti del talent, Luca ha tenuto a specificare che l'addio al programma è stato frutto solamente di una sua scelta: "Ti do una brutta notizia, che forse farà rosicare te, a me non mi ha buttato fuori nessuno, anzi, me ne sono andato io a metà del periodo del serale. E se ti informi bene non è stato nemmeno gradito dalla produzione il mio improvviso allontanamento. Perciò perché dire delle cose a fondo educativo e didattici devono essere per forza delle rosicate??"

LEGGI ANCHE: Amici 21, il nuovo taglio di capelli di Raimondo Todaro non piace alle fan: "Inguardabile"