L'inquietante profezia di Bill Gates: "Prepariamoci a una nuova pandemia"

A Dubai, come noto, è in corso l'Expo internazionale. Il 16 gennaio c'è stato l'atteso intervento di Bill Gates, intervenuto al Forum Global Goals for All, durante la World Goals Week delle Nazioni Unite. Il fondatore di Microsoft, oggi filantropo, ha dichiarato che per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 nei prossimi otto anni, dobbiamo prepararci alla prossima pandemia globale. “Al mio elenco personale di obiettivi voglio aggiungere assicurarmi che il mondo sia preparato per la prossima pandemia. Negli ultimi due anni abbiamo fatto importanti scoperte scientifiche, reso sicuri i vaccini più velocemente che in passato, ma abbiamo anche visto che la distribuzione ineguale degli strumenti sanitari, la mancanza di fondi, ha lasciato troppe persone indietro e in difficoltà con loro. Questo ha rappresentato e rappresenterà un rischio per la loro salute”, ha affermato il presidente della Bill and Melinda Gates Foundation.

Gates ha dichiarato anche che c'è bisogno di una società più equa per accelerare la fornitura globale di vaccini in futuro, per produrre più dosi e distribuirle in modo più uniforme. In tal senso, a suo avviso, è importante lavorare sulla logistica, condizione necessaria per crescere più velocemente. Al Forum ha partecipato anche il Vice Segretario Generale delle Nazioni Unite, Amin Mohammed, che ha parlato con il Ministro emiratino Reem Al Hashima, Direttore Generale di Expo 2020 a Dubai, dell'importanza e del ruolo dei giovani nel futuro e del raggiungimento della sostenibilità Obiettivi di sviluppo.

“Dovremmo ascoltare di più ciò che i giovani hanno da dire. Per cominciare, mi hanno insegnato a rispondere sempre più velocemente con le emoji". Dopo queste parole, dalla sala è partito un breve ma intenso applauso. "I bambini piccoli di oggi imparano più velocemente rispetto a quelli delle generazioni precedenti. Alla mia età attuale, ho bisogno di ascoltare e parlare di più con i giovani se voglio dare un contributo utile per i prossimi 5 anni. Sono sicura che chi verrà dopo di me sarà più intelligente di me ", ha commentato Amina Mohammed.

L'evento ha fornito ai partecipanti una panoramica degli obiettivi dell'Agenda 2030 e un'analisi su come raggiungere le questioni più urgenti come la disuguaglianza e la crisi climatica ascoltando le esperienze di molti, tra cui Bill Gates, che solo poche settimane fa era presente all'Expo. Il filantropo ha ricordato a distanza che mancano solo otto anni agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. "Alla Bill and Melinda Gates Foundation, il nostro obiettivo principale è sradicare la povertà e la fame, raggiungere l'uguaglianza di genere e ridurre l'impatto del cambiamento climatico".

Ha ricordato che il benessere di tutte le persone del mondo è l'obiettivo che più gli sta a cuore e che ha creato la Fondazione "dopo che io e Melinda abbiamo scoperto che ogni anno milioni di bambini soffrono e muoiono di fame e di malattie come diarrea, polmonite e altri disturbi che possono facilmente curabile nei paesi ricchi. Di recente ci siamo impegnati nella lotta al Covid, dove c'è ancora molto lavoro da fare, ma insieme abbiamo già fatto enormi progressi. Siamo lieti che il numero di bambini che muoiono per malattia prima del loro quinto compleanno si sia dimezzato dal 2000”, ha affermato. “Tuttavia, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile non possono essere cancellati dall'oggi al domani e la pandemia ha bloccato i progressi che abbiamo fatto su molti fronti. Ma sono ottimista, ma abbiamo bisogno del 2022 e ogni anno per anni di attività”, ha concluso.

LEGGI ANCHE: Fabio Fazio, il suo successo è dovuto unicamente a una persona: chi è e cosa fa la donna "misteriosa"