Giacomo Urtis, rivelazione shock: "Sono stato con un uomo molto famoso"

Giacomo Urtis sembra non farne una giusta all'interno della casa più spiata d'Italia, e quelle che si lascia scappare sono una serie di indiscrezioni, una dietro l'altra, che ci lasciano sconcertati e non ci permettono di capire se il concorrente dice sul serio quello che pensa, o se parla e sparla soltanto per far salire gli ascolti e accrescere la sua popolarità.

Secondo le notizie più recenti,  al GF Vip non solo Jessica Selassié, ma anche Giacomo Urtis avrebbe avuto una relazione segreta con un uomo famosissimo. Il chirurgo dei vip recentemente sembra essersi completamente dimenticato di essere circondato dalle telecamere (come quando ha parlato dei presunti regali da 30mila euro ricevuti da Miriana Trevisan da parte dei suoi corteggiatori) e, anzi, anche ieri sera ha confessato qualcosa di importante sulla sua vita privata. Di notte, mentre stava preparando uno snack con Barù, Urtis ha rivelato di essere stato con un uomo molto famoso in Italia. Il Gieffino ha fornito anche alcuni dettagli, perchè a quanto pare il misterioso personaggio sembra essere stato sposato molti anni fa e poi sembra essere stato in carcere ma ora è stato rilasciato. Un ultimo indizio: il chirurgo estetico avrebbe riconosciuto questo vip da un braccio, quindi questo farebbe pensare che quasi sicuramente avrà almeno un tatuaggio.

Queste le parole di Giacomo Urtis a riguardo: “Io non sono sempre stato gay. Ho avuto anche delle donne in passato, con una ci siamo sposati. Sarà che vengo da una famiglia in cui non si poteva parlare nemmeno di omosessualità. Poi un giorno in aeroporto vedo questo e lo riconosco subito dalle braccia. Mi ripetevo ‘eppure è lui, io lo conosco’, mi giro e gli dico ‘ciao io sono Giacomo’, lui mi dice ‘ciao e io sono em…’, ho lasciato la tipa che avevo all’epoca e mi sono attaccato a lui.

Insomma questo uomo molto noto era sposato diversi anni fa. Praticamente vivevamo insieme io, lui e la compagna. – riporta Biccy. it – Lui è molto famoso, non faccio nomi. Però ti dico che a un certo punto l’hanno messo in carcere e quindi nulla. L’ho dovuto lasciare perché aveva da pensare a sé stesso. Però andavo ogni mese in galera a trovarlo questo sì, un grande affetto. Per anni sono andato a visitarlo. Quando è uscito ci siamo rivisti spesso, adesso è fuori dalla prigione per fortuna”.