Alberto Angela è stato picchiato senza sosta: la tragica vicenda

L'episodio sorprendente e inquietante raccontato da Alberto Angela in una recente intervista riguarda il lavoro in giro per il mondo.
La storia raccontata in una recente intervista dal popolare conduttore Alberto Angela è senza precedenti e sconvolgente.

Chi è Alberto Angela
Alberto Angela è nato a Parigi l'8 aprile 1962. Promotore scientifico e conduttore televisivo italiano, specializzato in paleontologia, scrittore e giornalista.

Si è laureato in Francia e si è iscritto alla Facoltà di Scienze Naturali dell'Università La Sapienza di Roma, dove si è laureato con lode e ha ricevuto un premio e la pubblicazione della sua tesi.

Dopo aver completato il servizio militare nei Vigili del fuoco, prosegue la sua carriera scientifica, conseguendo specializzazioni estere (soprattutto USA) nel campo della paleontologia e della paleoantropologia. Svolge attività di ricerca da oltre 10 anni, partecipando a spedizioni internazionali, dagli anni '90 è apparso in televisione come scienziato, spesso affiancando il padre nella gestione di Superquark. Insieme a padre Piero, autore dello spettacolo Ulisse - Il piacere della scoperta, in onda dal 2000; Lo spettacolo ha avuto molto successo, e anche Alberto è rimasto vittima di un rapimento durante le riprese di un episodio al confine tra Niger e Algeria.

Sulle orme del padre, seguì il figlio Alberto, nato e cresciuto a Parigi. È specializzato in paleontologia, una branca delle scienze naturali che si occupa dello studio delle creature viventi che vivono nel passato geologico e dei loro ambienti di vita sulla Terra. Fin da piccolo si dedicò anche alla divulgazione della scienza in televisione. Dal 1997, infatti, dirige "Passage to the Northwest", e dal 2000 "Ulysses - The Pleasure of Discovery".

Dal 2015 è curatore e presentatore della serie di documentari Tonight a… e recentemente lo abbiamo visto alla guida di Meraviglie.

Rapimento in Niger
Lo straordinario e inquietante episodio raccontato da Alberto Angela in una recente intervista riguarda il lavoro in giro per il mondo. Il divulgatore scientifico è stato infatti in uno dei suoi tanti viaggi, alla scoperta di tesori sconosciuti e lontani.
Molto lontano. In Niger, in Africa. Lì, il famoso direttore d'orchestra e la sua troupe sarebbero stati rapiti e picchiati per diverse ore. Un incubo durato circa 15 ore da quando sono stati attaccati da uomini a volto nascosto e armati di kalashnikov. Probabilmente hanno scambiato Alberto Angela e la sua banda per un gruppo di spacciatori.

Dopo ore di torture e furto di tutti gli oggetti di valore, Alberto Angela e la sua ciurma verranno rilasciati. Ma alcuni episodi raramente possono essere dimenticati. Anche dopo 18 anni.