Gerry Scotti: "Dopo la brutta malattia seguo una nuova dieta", ecco cosa mangia adesso: impensabile

Tra novembre e dicembre del 2020, Gerry Scotti fu uno dei tantissimi italiani ricoverati in terapia intensiva per colpa del COVID. Il popolare conduttore fu curato all'ospedale Humanitas di Milano e per alcuni giorni le sue condizioni di salute furono preoccupanti. Per fortuna sua e della sua famiglia, le cure dei medici e degli infermieri hanno avuto effetto e, con fatica, il conduttore è riuscito a guarire totalmente. Il COVID ha lasciato il segno sul suo fisico oltre che nella sua mente: nel giro di poche settimane, Scotti ha perso 11 chilogrammi.

Le esperienze traumatiche, si sa, cambiano le persone. Virginio Scotti, allora, ha preso una decisione drastica: eliminare la carne per qualche mese, al fine di disintossicarsi. Lo ha raccontato nel corso di un'intervista alla sezione 'Cook' del Corriere della Sera. "Sono passato a una dieta vegetariana. Questa è stata la seconda volta nella mia vita: la prima è stata durante il primo lockdown nel 2020 quando con la mia compagna e mio figlio Edoardo non l'abbiamo toccata per 40 giorni fino a Pasqua. Ora ho deciso di limitare le quantità: mangio una volta alla settimana pollo, pesce e uova; quella rossa la tocco molto raramente. Soffro di pressione alta, dunque per la mia salute è meglio così".

Dopo il trauma, la sua dieta è cambiata totalmente. Ora, per sua ammissione, non mangia mai fuori orario e se non riesce ad essere regolare, preferisce saltare un pasto. "Mangiare per me significa sedersi e rispettare i tempi". Scotti ammette che prima di oggi non aveva mai seguito diete particolari: "Sono una buona forchetta ma non sono un ingordo".

Poi ha svelato i suoi 'segreti' alimentari: a maggio, mese della Madonna, fa un fioretto relativo all'alcool: "Rinuncio a drink e aperitivi e perdo sempre 5-6 chili. L'unica cosa che non dovete togliermi è un bicchiere di rosso a cena. La domenica sera mangio solo fiocchi d'avena con latte e per almeno 50 lunedì l'anno ceno con il minestrone". Attualmente Scotti pesa 110 chili ma il suo obiettivo è scendere ancora: "Voglio perderne altri 10. Ora ho dei problemi al ginocchio, appena si risolvono mi impegno per arrivare a 100".

Non solo cibo: Scotti nell'intervista ha parlato anche di vino. "Sogno di avere una tenuta tutta mia nell'Oltrepò pavese. La mia scelta di avvicinarmi al vino è ineluttabile. A un certo punto ho avvertito il bisogno di possedere qualcosa di solido, di vero e una zolla di terra lo è". Non a caso dal 2016 esiste una linea di bottiglie firmate da lui, in collaborazione con le cantine Giorgi. "Presto comprerò un terreno - assicura - ho origini contadini, sento il richiamo. Da giovane a Miradolo Terme facevo la vendemmia con i miei nonni. Ho un rapporto positivo con il cibo e lo devo a quei pasti in famiglia, sempre e solo con ingredienti buoni".

Attualmente Scotti è impegnato con l'appuntamento giornaliero di 'Caduta libera'. Il COVID di certo lo ha segnato ma per fortuna non ha compromesso la sua carriera. "Certo, ho qualche strascico: certe sere mi capita di sentire un leggero malessere che porta a maggiore stanchezza. Potrebbe essere dovuto alla malattia. Però riesco a mantenere senza problemi i ritmi lavorativi, segno che anche questa volta ce l'abbiamo fatta".

LEGGI ANCHE: Teo Mammucari racconta il retroscena divertente su Gerry Scotti: "Quando siamo a cena insieme..."