Ecco quello che non sapete su Zerocalcare, vi raccontiamo tutto sul fumettista italiano

Il successo di Zerocalcare è esploso ancora di più dopo l'uscita delle miniserie "Strappare lungo i bordi" sulla piattaforma di Netflix.

 

Ma che cosa sappiamo di questo incredibile fumettista italiano?

Il 37 enne Zerocalcare o meglio Michele Rech, è nato in Francia ma fin da piccolo è cresciuto a Roma, nello specifico in zona Rebibbia, come ha più volte rivendicato.

Il nome d'arte "Zerocalcare" nacque quando,  per partecipare ad una discussione su Internet, scelse un nome  senza dargli molto peso, ispirandosi ad spot televisivo di un prodotto anti-calcare che stava andando in onda in quel momento

Inizia la sua attività di fumettista alla fine delle scuole superiori, realizzando un racconto a fumetti delle giornate del G8 di Genova del luglio del 2001. A partire dal 2003 ha lavorato come illustratore presso il quotidiano Liberazione e collaborato con il settimanale Carta, poi con il mensile la Repubblica XL con la rivista Canemucco e con la divisione online della DC Comics, Zuda Comics.

Nell'ottobre 2011 pubblica il suo primo albo a fumetti, dal titolo La profezia dell'armadillo, prodotto dal disegnatore Makkox, che in breve tempo riscuote grande successo.

A partire dal novembre 2011 avvia un blog a fumetti, zerocalcare.it, in cui pubblica brevi racconti a sfondo autobiografico.Il suo blog rappresenta uno dei pochi esempi in Italia di "blog dei fumetti", Nel marzo 2012 il blog di Zerocalcare ottiene una nomination per la categoria Miglior Webcomic nel Premio Attilio Micheluzzi-Comicon 2012. A settembre 2012 il blog vince il premio Macchianera Award 2012 come "Miglior disegnatore - Vignettista". Nell'ottobre 2012 pubblica il suo secondo albo a fumetti, dal titolo Un polpo alla gola.  Nel 2017 ha ricevuto il Premio Giornalistico Archivio Disarmo - Colombe d'oro per la Pace, assegnato nell'ambito della trentatreesima edizione del premio.

Nello stesso mese vince a Lucca Comics & Games il Gran Guinigi per la migliore storia breve.

Nell'autunno del 2020 pubblica a meno di un mese di distanza due libri, entrambi per Bao Publishing: l'operazione si rivela un successo, tanto che entrambi i volumi vengono ristampati nell'arco di poche settimane nonostante l'alta tiratura iniziale.

il 21 dicembre 2020 viene pubblicato il teaser di una serie animata, Strappare lungo i bordi, che va in onda sulla piattaforma streaming Netflix dal 17 novembre 2021 di cui il fumettista è autore e interprete. La serie diventa rapidamente il primo prodotto italiano a finire tra le tendenze di Netflix e il più visto in Italia.

La miniserie rappresenta una generazione intera, che tra il disagio di una vita di città e le piccole gioie quotidiane, vive le sue amicizie, i suoi amori, le sue delusioni e le sue vittorie in una cornice di umori giovanili.

Il tutto è colorato da un dialetto romanesco, che in parte è stato criticato all'autore, ma che dona la giusta originalità alla voce di Zero e riesce a rendere al meglio il suo universo narrativo.

In questa serie il suo stile e la sua personalità fuoriescono preponderanti, con l'ironia di frasi che sui social sono già state postate e ripostate come mantra di vita.

Nonostante i suoi fumetti siano per lo più racconti autobiografici, Michele Rech è un personaggio fortemente riservato per quel che riguarda la vita sentimentale. A riguardo non si sa nulla, né se sia fidanzato né cosa pensi dell’amore. Non tutti sanno invece che Michele segue lo stile di vita straight edge, filosofia sviluppatasi nell’ambiente hardcore punk, che prevede l’astinenza dal consumo di tabacco, alcol e droghe che ben si mescolano alla sua dichiarata asocialità e misantropia.

Zeroocalcare ha anche un profilo @ zerocalcare, che conta 767.000 follower. Max Ince scrive di programmi e personaggi televisivi su Chiechiera.

Noi facciamo i nostri più sentiti  complimenti all'autore che non solo merita il successo ma che dimostra sempre una straordinaria capacità espressiva.

Voi cosa ne pensate? Avete già visto la serie ?

Lascia un commento