Addio filtri: Giulia Provvedi si mostra con la sua fragilità e manda solo messaggi positivi

Un altro post che dovrebbe sembrare naturale, aperto alle persone che la seguono. Racconta qualcosa che va oltre le foto in posa e gli scatti dei professionisti. Ancora una volta Giulia Provvedi si presenta senza filtri su Instagram e cerca di aiutare altre ragazze che per strada magari hanno perso di vista le cose più importanti della vita.

Che non sono primi piani che sono venuti bene, foto d'effetto, taglia 38, acne ricoperta di chili di primer. Questo è un altro messaggio che incoraggia chi lo segue, anche ad aprirsi, ad ascoltarsi, a mettersi di fronte a tutto ciò che sente senza ascoltare quello che dicono gli altri e ad arrendersi all'influenza del mondo in cui spesso compaiono È il più importante. primo posto.

Un bel messaggio di Giulia, un messaggio che dovrebbe arrivare più spesso sui social e non solo da gente seguitissima come Provvedi, che mostra alcuni scatti in cui non usa nessun filtro, Giulia Provvedi confessa: "A un certo punto della mia vita Mi sentivo particolarmente fragile, sai quando pensi che non sia mai abbastanza per qualcuno sentirsi inadeguato? Qui è successo a me e ho sentito che tutto quello che ho costruito con notevole semplicità e normalità era sbagliato, forse avrei dovuto cambiare il modo in cui mi vestivo? Prestare più attenzione ai dettagli? Uscire ed essere qualcuno che non mi rappresenta affatto? Ma ad altri è piaciuto. "E poi:" Ma quando pensavo di non aver fatto niente, mi dicevo solo: ma sei tu Giuli, ami svegliarti, apri l'armadio e mettiti la prima cosa che ti capita (meglio se con dubbi abbinamenti) non ti piace passare ore davanti allo specchio, fila veloce e via." Concludiamo con un invito a non lasciarci sopraffare dalle parole degli altri: "Allora sapete cos'è?! Non mi importava di tutto quello che le mie orecchie sentivano, davo valore a quello che sentivo dentro, NON cambiando MAI la mia essenza.

. è stata per me una rinascita e una profonda conoscenza di me stesso."

Lascia un commento


Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/primoarticolo/public_html/wp-includes/functions.php on line 5107

Notice: ob_end_flush(): failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/primoarticolo/public_html/wp-content/plugins/really-simple-ssl/class-mixed-content-fixer.php on line 110