Gabriella Pession, l’incubo che la tormenta da sempre: “Un mese sì e uno no ero a letto”

La bella attrice si lascia andare e parla del male che la affligge fin da quando era bambina. Le ha provate tutte, ma non si arrende. Ecco cos'è.

Con un volto solare e allegro, Gabriella Pession ha conquistato negli ultimi anni sempre più spazio nel mondo dello spettacolo. Sul set, energica e rilassata, ha iniziato la sua carriera in tenera età. Ma non come attrice. Non tutti sanno che la talentuosa attrice è stata anche una piccola campionessa di pattinaggio artistico. Purtroppo un grave infortunio l'ha costretta a rinunciare alla sua passione. anni con il film Fuochi d'artificio di Leonardo Pieraccioni. Poi arriva la santificazione della sua popolarità quando nel 2009, insieme a Paolo Bonolis, dirige per la terza sera il festival di Sanremo. Tutti ricordiamo Gabriella per la sua appassionata interpretazione in " Capri ", insieme a Bianca Guaccero e Sergio Assisi. Quest'ultimo è nato anche in un legame al momento della sparatoria, ma non è durato a lungo. Nel 2012, l'attrice ha trovato l'amore per l'attore irlandese Richard Flood, con il quale si è sposata nel 2016.

Gabriella e la lotta che ancora non le dà tregua

Attrice di talento e donna molto affascinante, nella sua vita ha dovuto affrontare diverse disgrazie legate a la sua salute. Oltre a un infortunio alla caviglia, Gabriella ha dovuto affrontare anche un problema che potrebbe davvero peggiorarle la vita e la carriera. " I miei primi problemi sono stati quando avevo 12 anni. Andavo a scuola e ogni due mesi mi sdraiavo a letto con la gola in fiamme ", ha detto Gabriella. Il problema che l'ha sempre infastidita e fatta soffrire sono proprio le tonsille.

Insieme ai medici, sua madre ha deciso di non asportarle. Ma i dolori aumentavano: " Ogni volta che le tonsille si svegliavano, c'erano anche dolori articolari e ossei, disse, " A 21 anni tutto è finito all'improvviso. Pensavo di essere guarito, ma era un'illusione perché il problema è tornato più rapidamente che mai ". Al momento non ha ancora deciso l'intervento fatale: " Nel frattempo ho iniziato a prendermi cura di me - ha spiegato - con il metodo della nonna: una dieta ricca di vitamine e sali minerali, risciacqui e, soprattutto, spazzolatura locale di tintura di iodio ".

Lascia un commento