Alex Britti svela qual è la sua più grande paura: “Ho provato a lavorarci su”, mai detto prima

Ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno, Alex Britti ha svelato qual è la paura che lo attanaglia: la confessione del cantante. Grande ritorno a Oggi è un altro giorno su Rai 1: ospite di Serena Bortone, Alex Britti ha presentato a Pubblico il suo nuovo libro dal titolo < vir> Strade ". Pagine che raccontano la sua storia, la sua carriera, il suo rapporto con il figlio Edoardo nato dall'amore con la moglie Nicole di 22 anni più giovane. Nonostante i suoi genitori fossero inizialmente perplessi, il cantautore romano ha deciso fin da giovanissimo di inseguire il suo sogno andandosene di casa quando era adolescente. " Essere figlio unico mi ha aiutato perché sapevo stare da solo. Sono andato a vivere da solo da adolescente perché era difficile spiegare che dovevo tornare tardi per suonare ", ha detto l'artista.Britti non ha studiato al conservatorio, ma ha imparato a suonare da solo dopo aver appreso il basi seguendo le lezioni dalla chitarra alla parrocchia: " Ho sempre sentito un appagamento dalla chitarra, ma non mi sento bene. Anche oggi cerco sempre il suono giusto ". Tra i tanti aneddoti, Alex ha confessato anche una sua paura molto profonda: vediamo di cosa si tratta. Segui anche il nostro canale INSTAGRAM: ti regaliamo scoop, meme e intrattenimento! CLICCA QUI
Ai microfoni di Serena Bortone, Britti ha parlato della fobia che sta vivendo dal 1991 e che riguarda la paura di volare in aereo: " Sono trent'anni che non prendo un aereo, ho paura di volare. Dopo alcuni brutti viaggi con attacchi di panico, ho deciso di non prendere più aerei. Ho provato a lavorarci, ma sono trent'anni che non volo e non ho mai visto l'America purtroppo ", ha confessato.

Lascia un commento