La drammatica storia di Destinee a Vite al Limite: pesava 303 kg, cambiamento sconvolgente

Destinee era una protagonista di Vite al Limite e aveva alle spalle una storia drammatica: oggi è una persona completamente diversa, cambiamento sconvolgente.

La storia di Destinee durante la settima stagione di Vite al Limite non può essere dimenticata. Entrata nel programma con un peso che superava, seppur di poco, i 300 kg, Lashaee aveva alle spalle un passato piuttosto drammatico. Abbandonato da bambino dalla madre e protagonista di un doloroso lutto, il paziente con cui il dottor Nowzaradan ha dovuto fare i conti era piuttosto particolare e complicato.

La situazione di Destinee peggiora, infatti, non c'erano solo i problemi legati all'obesità, ma anche quelli dettati da alcuni traumi subiti nel corso della sua vita. Ad oggi, però, Lashaee sembra una persona completamente diversa. In effetti, il suo cambiamento è stato davvero scioccante. E questo non fa altro che sottolineare quanto la volontà della giovanissima paziente sia stata incredibile fin dal primo momento. Scopriamo tutto insieme.

La storia di Destinee durante la settima stagione di Vite al Limite ha davvero colpito tutti. La ventisettenne transessuale, la paziente del dottor Nowzaradan ha detto di essere stata data in affidamento quando la sua giovanissima madre ha deciso di abbandonare completamente la sua famiglia. Da quel momento, le condizioni fisiche di Destinee hanno subito un vero e proprio crollo. Anche lei, così come tanti altri partecipanti al programma, ha sfogato tutta la sua rabbia nel cibo. Lei e lei hanno raggiunto, in men che non si dica, un peso piuttosto eccessivo. E questo, purtroppo, è andato sempre peggio quando lei, dopo anni, è riuscita ad uscire allo scoperto.

Lascia un commento