Dramma a Pordenone, neonata nasce in casa e poi muore: avviata un’indagine

Un'indagine è stata avviata dalla polizia sulla tragica morte di una bambina, nata in casa sua, con un parto in acqua. Purtroppo, nonostante il disperato intervento dei soccorritori, per lei non c'è stato nulla da fare. I medici, una volta arrivata in ospedale, non hanno potuto fare a meno di accertarne la morte.

Un momento felice si è trasformato in una tragedia
per una giovane coppia di origini americane. Avevano scelto di partorire a casa loro.

Secondo le informazioni diffuse dai media locali, il dramma si è svolto alle 18:40 di lunedì 23 agosto. Precisamente nella casa di famiglia situata in contrada Borgomeduna, a Pordenone.

Durante la gravidanza, la coppia di genitori ha scelto di far nascere il loro bambino in casa, con un parto in acqua. Hanno anche chiesto l'intervento di due ostetriche, che avrebbero dovuto aiutarli con il bambino.

Tuttavia, quando la bambina è venuta al mondo, è apparsa in condizioni molto gravi. Non rispondeva e respirava a fatica. Per questo motivo una delle ostetriche ha subito avviato tutte le manovre di rianimazione.

Nel frattempo nella casa della famiglia è arrivata anche un'ambulanza. I soccorritori, sperando di poter salvare la bambina, l'hanno portata d'urgenza in ospedale
per tutte le cure necessarie.

La tragica morte della neonata nata in casa e gli accertamenti
Purtroppo, nonostante il tempestivo intervento del personale ospedaliero, per la neonata non c'è stato nulla da fare. I medici non hanno potuto fare a meno di accertare la morte di lei.

La polizia, vista la dinamica della vicenda, ha subito avviato tutte le indagini per capire cosa sia successo. Al momento sia la famiglia che gli inquirenti vogliono capire se la piccola potrebbe essere salvata se fosse nata in ospedale.

Lascia un commento