Raffaele Sasso, morto il famoso giornalista italiano

Raffaele Sasso è morto. Il mondo del giornalismo italiano è in lutto per una grave perdita. È morta a 74 anni, dopo una lunga malattia combattuta fino alla fine, una delle voci più autorevoli sui media del nostro Paese. Aveva collaborato, dal 1979 in poi, anno in cui divenne giornalista professionista, per importanti testate nazionali.

Raffaele Sasso non ce l'ha fatta. A ricordare il grande uomo e il grande giornalista è anche l'Associazione Stampa Subalpina, con un comunicato che ha fatto seguito all'annuncio della morte del 74enne.

Ci uniamo al dolore di familiari e colleghi per la scomparsa di Raffaele Sasso, giornalista e amico, importante punto di riferimento per l'informazione a Cuneo e per l'Ordine dei Giornalisti del Piemonte.

Da tempo il giornalista italiano lottava contro una grave malattia. Fino alla fine ha cercato di sopravvivere al male che lo aveva colpito, ma purtroppo senza successo. L'annuncio della sua morte ha destato tristezza in tutto il mondo dei giornalisti del nostro Paese.

Il sindaco di Mondovì, Paolo Adriano, lo ha ricordato con queste parole:

Ho appreso la notizia della scomparsa dell'amico Raffaele. Con profonda emozione sono vicino alla sua famiglia. Raffaele è stato per me un amico e un maestro e mi ha aiutato molto in tutti questi anni di impegno. Lo ricordo con affetto e conserverò nel mio cuore la profonda stima che mi legava a lui. Aggiungo a queste parole le condoglianze di tutta la città.

Raffaele Sasso è morto, biografia del giornalista
Raffaele Sasso aveva 74 anni. Giornalista professionista dal 1979, pubblicista dal 1972, ha sempre vissuto per il giornalismo . L'uomo è morto nella sua casa di Mondovì: la moglie Gisella era con lui al momento del decesso.

Lascia un commento