Tragedia, papà e figlia di 13 anni trovati morti in un burrone

Una tragedia senza spiegazione quella che arriva da Nogarè, frazione di Perigine, in Trentino. Un padre e una figlia di 13 anni sono stati trovati senza vita in un burrone.

Secondo le prime segnalazioni riportate, la moglie dell'uomo e madre del minore, preoccupata di non essere ancora tornata a casa dall'escursione e di non aver risposto al telefono, ha deciso di uscire con l'altra figlia e cercarli in zona.

Alla fine i due fecero la tragica scoperta. Padre e figlia di 13 anni sono rimasti coinvolti in un incidente stradale. Sandro Prada e la piccola Elisa, questi i nomi delle due vittime, sono stati trovati morti in un burrone. La famiglia ha detto che sono andati a fare un giro insieme. Dopo diverse ore, i parenti hanno cominciato a preoccuparsi ea telefonare.

Dopo ore di ansia e apprensione, la madre e la moglie hanno deciso di uscire di persona a cercarli. Grazie all'aiuto dell'altra figlia e di un'applicazione per smartphone, è riuscita a localizzare le due tramite GPS.

Hanno lanciato subito l'allarme al 118 , ma per padre e figlia era già troppo tardi. Non sono ancora chiari i motivi per cui Sandro è uscito di strada ed è finito in falesia. La polizia sta indagando e sta procedendo ai necessari accertamenti.

Papà e figlia di 13 anni precipitati a 15 metri
L'ipotesi più plausibile, per ora, è quella di un incidente autonomo, senza il coinvolgimento di altri mezzi. Il padre deve aver perso, per qualche motivo, il controllo della sua moto . Sembrerebbe, secondo quanto attestato dagli inquirenti, che l'uomo abbia invaso l'altra corsia al tornante finendo nell'unico punto privo di guard rail. La moto si è schiantata per circa 15 metri.

E' stato disposto il sequestro della moto, sulla quale verranno effettuati i controlli. Lo scopo è quello di stabilire se ci sono stati dei malfunzionamenti.

Lascia un commento